Dobbiamo ammettere che noi volontari dell’AMREI non siamo molto presenti sui social. E’ una nostra pecca e ce ne scusiamo con tutti voi che vorreste da parte nostra una presenza più constante. Poca comunicatività non significa però poca operosità. Tutt’altro ! E così di tanto in tanto torniamo a pubblicare per aggiornarvi in merito a quanto abbiamo realizzato e a quanto bolle in pentola. Ma facciamo un passo indietro. Noi membri del Consiglio Direttivo dell’AMREI abitiamo distanti gli uni dagli altri ed incontrarci è sempre stato un problema. Si sceglieva di solito la domenica mattina per permettere a tutti di spostarsi, liberi da impegni di lavoro, e le riunioni si svolgevano in una località a metà strada tra Perugia e Roma. E già, perché ormai da qualche anno l’associazione si occupa dei piccoli pazienti reumatici di Umbria e Lazio. Con il COVID e il lockdown tutto è cambiato. La tecnologia ci ha permesso di azzerare la distanza tra di noi e il confinamento ci ha regalato quel tempo libero di cui abitualmente è impossibile disporre. Ci siamo visti spesso in quei due mesi, ci siamo fatti compagnia, ci siamo confrontati e abbiamo preso delle decisioni. In un momento tanto difficile occorreva dare una mano alle realtà ospedaliere in difficoltà offrendo il nostro contributo laddove ce ne fosse stato bisogno. Sbrigate le pratiche burocratiche e ottenute le necessarie autorizzazioni da parte degli ospedali, abbiamo acquistato e consegnato il seguente materiale : - Un Monitor multiparamedico modulare completo di kit accessori e di stampante al reparto di Pediatria dell’Ospedale Sant’Eugenio di Roma; - Un Monitor multiparamedico + due pulsiossimetri + tre termometri ad infrarossi al reparto di pediatria dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia, di Perugia. E’ con immensa gratitudine che ringraziamo tutti voi che con le vostre donazioni ( 5 per mille o altro) avete reso possibile tutto questo. Continuate a supportare l'AMREI e non esitate ad unirvi a noi anche in veste di volontari. Ce n'è davvero bisogno...GRAZIE